AULA DIDATTICA MONTE SOLE

HOME CHI SIAMO LUOGHI E PERCORSI INFORMAZIONI VISITE E PRENOTAZIONI COME
RAGGIUNGERCI
COMUNICA CON NOI


 PRENOTAZIONE VISITE
>> LUOGHI SIGNIFICATIVI

SAN MARTINO

CASAGLIA

CAPRARA

CIMITERO DI CASAGLIA

MONTE SOLE

CERPIANO

SCUOLA DI PACE
POGGIOLO
MARZABOTTO SACRARIO
>> MATERIALI UTILI
Foto Naturalistiche
Foto Storiche
Le Testimonianze
Riflessioni
I Sacerdoti Martiri
di Monte Sole


 

 

Parco Storico MonteSole

 

Cd-Rom "MonteSole"

Immagine: Monte Sole

 

                                       
                 
marza

Il 29 settembre 1944 un'ampia fascia di territorio compresa fra i fiumi Reno e Setta  nei Comuni di Marzabotto,  Grizzana Morandi e Monzuno venne circondata dall'esercito tedesco e da truppe speciali delle SS e fatta oggetto del più grande massacro di civili perpetrato dai nazisti nell'Europa occidentale durante la seconda guerra mondiale.
Nella strage di Monte Sole, più noto come eccidio di Marzabotto morirono 770 persone, per la maggior parte donne, vecchi e bambini.

Nel territorio di Monte Sole si era organizzata nell'autunno del 1943 la brigata partigiana "Stella Rossa".

Con azioni di guerriglia contro l'esercito di occupazione e di sabotaggio alle linee telegrafiche e telefoniche e alle importanti vie di comunicazione che attraversano le valli del Reno e del Setta, la Stella Rossa rendeva insicura la presenza dei tedeschi ed ostacolava il traffico di mezzi e di truppe in un punto nevralgico delle comunicazioni fra il nord ed il centro Italia.

Quando nell'estate del 1944 gli Alleati sfondarono la linea gotica e si avvicinarono a pochi chilometri da Bologna, Monte Sole rimase l'ultimo baluardo naturale prima del capoluogo emiliano. La sua importanza  strategica si accrebbe fino a diventare decisiva per le sorti della campagna d'Italia e venne impartito l'ordine di ripulire tutta la zona dai "ribelli", pericolosi sia in caso di attacco nemico che di ritirata.

L'attacco al territorio si risolse con l'intero massacro della popolazione civile. Dal 29 settembre al 5 ottobre i nazisti batterono l'intera zona, grazie anche alla collaborazione di fascisti locali, uccidendo, saccheggiando e bruciando le abitazioni: ben 115 luoghi furono coinvolti e 770 le vittime.
Ma il numero totale delle persone uccise dai nazifascisti a fine  guerra sarà di 955, di cui 216  bambini con meno di 12 anni, 316 donne, 142 anziani e 5 sacerdoti.

Le comunità insediate a Monte Sole da secoli, famiglie di piccoli proprietari e mezzadri, sparse in casolari e piccoli borghi, vennero completamente cancellate in pochi giorni.

A
San Martino, a  Caprara, a Santa Maria di Casaglia, a San Giovanni di Sotto, a Cerpiano, i nuclei abitativi più consistenti del crinale, la vita cessò del tutto.
Dopo l'eccidio e le distruzioni della guerra, per oltre 6 mesi il fronte si arrestò su queste colline, la risalita a Monte Sole fu limitata alle pendici più prossime alle valli, mentre crebbe il centro di Marzabotto dove nel 1961 fu inaugurato il
Sacrario ai Caduti, che raccolse i resti di maggior parte delle vittime delle stragi. Il ritorno invece a Monte Sole venne ostacolato da motivazioni di vario ordine: la difficoltà per  molti sopravvissuti a tornare su luoghi pieni strazianti memorie, la distruzione dei borghi e delle case sparse, la scarsa viabilità, la mancanza di infrastrutture, la pericolosità dei luoghi disseminati di ordigni inesplosi. A partire dagli anni '70 sul piano politico e culturale si aprì un'ampia riflessione sulle potenzialità educative e formative insite nel territorio di Monte Sole testimoni della Resistenza e degli eccidi.
A metà degli anni '80 la salita di Don Giuseppe Dossetti a Monte Sole e l'intensificazione dei dibattiti sul recupero e la valorizzazione della memoria portarono, con una legge regionale del maggio 1989, alla istituzione del "Parco Storico di Monte Sole".
Il Parco, con un'area di circa 6000 ettari, copre pressochè tutta l'area i cui furono compiuti gli eccidi.
Ad esso la legge regionale affida il compito di conservare e diffondere la memoria degli eccidi e di promuovere a partire dagli alti valori di democrazia e libertà che animarono la Resistenza, una
Scuola di Pace per le giovani generazioni.
Al tempo stesso il Parco vuole conservare e valorizzare il
patrimonio ambientale e paesaggistico della zona di particolare pregio.
Dall'anno scolastico 1995/96 è attivato il "Progetto Aula Didattica Monte Sole" che si rivolge a tutti gli ordini di scuole che visitano i luoghi dell'eccidio con lo scopo di assistere, coordinare, guidare le diverse migliaia di studenti che da ogni parte d'Italia, e non solo, raggiungono il territorio del Parco.
L'obiettivo è soprattutto di spingere gli studenti ad essere consapevoli dell'importanza della memoria, del valore del territorio, delle sue caratteristiche, della sua storia che si legge nei ruderi e nell'ambiente.L'obiettivo è soprattutto di spingere gli studenti ad essere consapevoli dell'importanza della memoria, del valore del territorio, delle sue caratteristiche, della sua storia che si legge nei ruderi e nell'ambiente.

     Testi e foto by Bruno Sidoli
                                                              Il taglio delle risorse non ha consentito la continuazione del progetto, che si è interrotto
                                               nell'anno scolastico 2010/2011.
                                               I riferimenti e gli indirizzi presenti in questo sito non sono più attivi..