Proprietà fisiche e chimiche della materia

 

Alcune proprietà fisiche della materia sono:

1.     la malleabilità, cioè la facilità con cui il materiale può essere pressato, arrotolato o martellato, per farne fogli sottili.

2.     la duttilità, cioè la facilità di trasformarlo in fili sottili.

3.     la conducibilità termica, cioè la facilità a trasmettere il calore.

4.     la solubilità, cioè la facilità a sciogliersi in un’altra.

 

Esperienza di laboratorio

 

Le proprietà fisiche possono essere osservate tramite trasformazioni, dette fisiche, senza che la materia cambi: l’acqua resta acqua, il ferro resta ferro, ecc.. Dopo una trasformazione fisica si può sempre ritornare alla situazione di partenza. Sono trasformazioni reversibili.

Per esempio, se si spezzetta un pezzo di gesso, se ne cambia la forma, ma polverizzandolo e pressandolo si può tornare alla forma originale. È sempre gesso!

 

Le proprietà chimiche si riferiscono alle interazioni con altre sostanze in seguito alle quali la materia cambia natura.

Le trasformazioni chimiche sono irreversibili.

Sono proprietà chimiche

1.     essere organica o inorganica (esperienza)

2.     l’infiammabilità. La combustione è infatti una reazione chimica, perché, quando una sostanza brucia, essa scompare completamente e al suo posto si formano una o più sostanze diverse da quella di partenza.

3.     la reattività. La maggior parte dei metalli interagisce facilmente con altre sostanze formando delle sostanze composte. La ruggine del ferro è un esempio consueto di reazione del ferro con l’ossigeno dell’aria. L’alluminio invece non reagisce così facilmente.

4.     la basicità o l’acidità.Le sostanze acide hanno generalmente un gusto particolare, detto appunto “acido, come il limone, l’aceto, ecc. Le sostanze basiche, che sono l’opposto di quelle acide,  sono generalmente  amare e viscide (ammoniaca, liscivia) e generalmente tossiche.

 

Torna alla mappa

Torna all’indice

Torna a

contenuti

Esperienze di laboratorio