Apuleio
La "bella fabella" di Amore e Psiche
Interpretazioni

Il mito di Amore e Psiche si offre a varie interpretazioni, le quali possono essere pensate o come il prodotto di alcuni influssi culturali già preesistenti ad Apuleio o a lui contemporanei, oppure come il tentativo di associare il contenuto della favola ad idee e tendenze posteriori all'autore latino. La chiave di lettura psicanalitica, per esempio, è la chiara espressione di un tentativo di rivisitazione della novella da parte di una cultura molto recente e quindi lontana da quella a cui appartenne Apuleio.
Anche l'interpretazione folklorica rientra nell'ambito degli interessi di tipo strutturale della narratologia moderna.
Più vicina alla sensibilità tardo-latina del II sec. d.C. è la chiave di lettura misterica in sintonia con la religiosità popolare del periodo, o quella filosofico neoplatonica caratterizzata da una indagine metafisica molto seguita anche durante il Rinascimento. L'interpretazione cristiano - medievale infine, di derivazione tomistica, sembra conciliare gli aspetti propri della filosofia dottrinale a quelli più propriamente religiosi.

Interpretazione misterica
Interpretazioni filosofiche
Interpretazione folklorica
Interpretazione psicanalitica