Il Divisionismo

Con questo nome viene indicato il movimento a cui diedero vita nel 1884 G. Seurat ed altri, con l'intento di andare oltre l'Impressionismo e dare un fondamento scientifico al processo visivo e operativo della pittura.

Richiamandosi alle ricerche di Chevreul, Rood sulle leggi della visione ottica e, specialmente, dei contrasti simultanei o dei colori complementari, essi instaurano la tecnica del divisionismo, consistente nella divisione dei toni nelle loro componenti, cioè in tante piccole macchie di colori puri accostati tra loro, in modo da ricomporre, nell'occhio dell'osservatore, l'unità del tono (luce-colore) senza le inevitabili impurità dell'impasto che spegne e confonde i colori.