Le opere di Gauguin

Il Cristo giallo

Già il titolo dell'opera allude all'antinaturalismo cromatico e quindi al valore simbolico del colore. Tutto è semplificato e sintetizzato. La tela è dominata dalla presenza incombente in primo piano della croce lignea marrone con l'uomo crocifisso giallo. Gialli sono anche i prati ed i monti, divisi in strisce orizzontali e punteggiati dalle macchie rosse degli alberi, mentre sul davanti, in cerchio, stanno tre contadine bretoni, vestite di blu, simbolo delle pie donne evangliche. In questa crocefissione rustica, spogliata della mitizzazione ufficiale della chiesa e riportata nei termini quotidiani del mondo contadino, e perciò attualizzata, anzi vissuta in ogni momento della giornata, predominano i colori primari (giallo, blu, rosso) evitando i toni intermedi così da ottenere uno straordinario potere suggestivo. Quando si parla di simbolo gauguiano si deve intendere appunto questo. Non è il simbolo dell'antica tradizione cristiana, per cui l'oggetto reale, al di là della sua apparenza, esprime un concetto.In Gauguin non possiamo dare ad ogni colore o a ogni linea un significato preciso tradotto in parola. Ogni colore, ogni linea, posti in un ordine o in un altro, quantitativamente maggiori o minori, hanno invece, la possibilità di creare stati d' animo differenti in ciascuno di noi. La pittura, "Come la musica,-scrive Gauguin-agisce sull'anima attraverso i sensi; i toni pittorici armoniosi corrispondono alle armonie dei suoni".

...E l'oro dei loro campi

E' una delle opere dell'ultimo periodo dell'artista, che dimostra come egli, pur derivando i suoi soggetti dalla realtà, se ne allontanano. E' pensando a tele come queste che egli scriveva, nello stesso anno 1901: "i miei nudi sono casti senza abiti; a cosa attribuirlo se non a certe forme e a certi colori che si allontanano dalla realtà?". Il ritmo del disegno è visibile nella disposizione sinuosa della donna di sinistra e nel modo in cui l'una si inserisce armonicamente accanto all'altra, mentre il tono bruno dei corpi si esalta, sovrapponendosi ai colori retrostanti, in particolare ai cespugli rossi dietro le teste.