MOSAICI PAVIMENTALI CON EMBLEMA
I diversi generi di mosaico in opus sectile, tessellatum e vermiculatum venivano anche accostati fra di loro ottenendo magnifici effetti.I mosaici pavimentali romani erano di frequente costituiti da fasce decorative di tipo geometrico, con tessere bianche e nere o colorate, ripetute sulla superficie, fino a costituire un vero e proprio "tappeto musivo".Al centro dei mosaici pavimentali o parietali poteva essere inserito un piccolo quadretto: l'emblema.Gli artisti erano chiamati nei vari posti di lavoro e potevano eseguire perfettamente e abbastanza velocemente lavori imponenti con una vera e propria suddivisione dei ruoli.

PICTOR IMMAGINARIUS era il maestro cartonista; egli tracciava il disegno da rappresentare sul cartone suggerendo i colori occorrenti.

PICTOR MUSIVARIUS era l'artista o artigiano che eseguiva l'opus musivum sulle pareti, sulle volte e sulle cupole; egli teneva conto delle proprietà tecniche del materiale che adoperava per ottenere l'effetto voluto.

PICTOR PARIETARIUS era l'autore che portava il disegno dal cartone alla parete o al pavimento ingigantendo le figure in proporzione alla superficie da coprire; egli curava le distanze fra le figure ed eventualmente le adattava alla forma e alle dimensioni della muratura.

PICTOR TESSELLARIUS era l'artigiano che eseguiva l'opus tessellatum sul pavimento.