La rappresentazione degli uccelli nei mosaici

Gli uccelli sono rappresentati molto spesso nei mosaici, soprattutto in quelli bizantini, come a Ravenna, e in alcuni casi essi hanno una funzione esclusivamente decorativa, mentre più spesso hanno significato simbolico. I più noti di questi sono:                                                                   

-la colomba bianca, simbolo di purezza, che fu, per l'originaria iconografia cristiana, il simbolo dello Spirito Santo in base alle parole di Giovanni Battista: "Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui" (Giovanni, 1,32).

-le due colombe che si fronteggiano si trovano per esempio nel Mausoleo di Galla Placidia a Ravenna e sono attributi della concordia.

-il cigno che secondo gli antichi era sensibile alla musica e prima di morire emetteva un canto armonioso; per questo motivo era associato ad Apollo, mentre per la sua bellezza era attributo di Venere.

-l'aquila che nella mitologia classica era un uccello sacro a Giove poiché simbolo di potere e di vittoria ; nell'iconografia cristiana rappresenta Giovanni Evangelista poiché è l'uccello che vola più in alto e la sua visione di Dio è più diretta e si distingue da quella degli altri.