BESTIARIO LATINO. L'ANTILOPE All'elenco dei testi

II) De autalops

Est animal acerrimum nimis, ita ut nec venator possit ei appropinquare. Habet autem longa cornua serre figuram habentia, ita ut possit eciam arbores altas et magnas secare et ad terram deponere. Et cum sitit, venit ad magnum flumen Eufraten, et bibit. Est autem ibi fruttex qui dicitur grece herecine, habens virgulta subtilia atque prolixa. Veniens autem incipit ludere cornibus suis ad herecinam, et dum ludit, obligat cornua sua in virgultis eius. Cum autem diu pugnans liberari non potest, exclamat voce magna. Audiens autem venator vocem eius, venit et occidit eum. Sic et tu, homo Dei, qui studes sobrius esse ct castus et spiritualiter vivere, cuius duo cornua sunt testamenta per que potes resecare et abscidere a te omnia vicia corporalia: hoc est adulterium, fornicationem, avariciam, invidiam, superbiam, homicidium, detractionem, hebrietatem, luxuriam et omnem huius seculi pompam; tunc congaudent tibi angeli et omnes virtutes celorum. Cave ergo, homo Dei, ebrietatem, nec obligeris luxurie voluptate, ut non interficiaris a diabolo : «Vinum enim et mulieres apostatare faciunt homines a Deo».

II) L’antilope

È un animale molto fiero così che il cacciatore non può avvicinarsi. Ha poi lunghe corna che hanno forma di sega così che può tagliare alberi anche alti e grandi e deporli a terra. Quando ha sete viene al grande fiume Eufrate e beve. Vi è poi qui un arbusto, che è detto in greco "erecine" (erica), che ha virgulti sottili e lunghi. Venendo poi l’antilope comincia a scherzare con le corna presso l’erecina e, mentre gioca, lega le sue corna ai virgulti di quello. Lottando a lungo, non può liberarsi e grida a gran voce. Sentendolo poi, il cacciatore viene e l’uccide. Così, anche tu, uomo, che ti impegni a essere sobrio, casto ed a vivere spiritualmente e di cui le due corna sono i testamenti (il Vecchio ed il Nuovo) per mezzo dei quali puoi tagliare ed estirpare da te tutti i vizi corporali ; cioè l’adulterio, la fornicazione, l’avarizia, l’invidia, la superbia, l’omicidio, il furto, l’ubriachezza, la lussuria e butta la pompa di questo secolo: ora godano con te gli angeli e tutte le virtù dei cieli. Guardati, uomo di Dio, dall'ebbrezza e né star legato al piacere, per non essere ucciso dal demonio. «Infatti il vino e le donne fanno allontanare l’uomo da Dio».