BESTIARIO LATINO. LA SIRENA All'elenco dei testi

XII) De sirenis

Ysaias dicit: "Syrena et demonia stabunt in Babilonia, et herinatius et honocentaurus habitabunt in domibus eorum".

Sirene, inquit, animalia sunt mortifera. Phisiologus describit: usque ad umbilicum figuram hominis habent, extrema vero pars usque ad pedes volatilis habet figuram; et musicum quoddam ac dulcisonum melodie cantum canunt ita ut per suavitatem vocis auditus hominum a longe navigantium mulceant et ad se trahant, ac nimia suavitate modulationis prolixe aures ac sensus eorum delinientes in somnum vertant. Tunc deinde, cum viderint eos gravissimo somno sopitos, invadunt eos et dilaniant carnes eorum, ac sic persuavis voces soni ignaros et insipientes homines decipiunt et mortificant sibi.

Sic et illi qui deliciis seculi et pompis et theatralibus voluptatibus delectantur, tragediis ac comediis dissoluti velut gravi somno sopiti, adversariorum preda efficiuntur.

Ethimloogia. Sirenas tres fingunt fuisse, ex parte virgines et ex parte volucres, habentes alas et ungulas. Quarum una voce, alia tibiis, tercia lyra canebat. Que indoctos navigantes pro cantu naufragio periclitari faciebant.

Secundum veritatem autem meretrices fuerunt, que transeuntes deducebant ad egestatem, et his dicuntur inferre naufragia. Alas autem habuisse et ungulas, quia amor et volat et vulnerat. Que ideo in fluctibus commorasse dicuntur, quia fluctus (in) Venerem creaverunt.

XII) Le sirene

Dice il profeta Isaia: "La sirena e i demoni vivranno in Babilonia, mentre il riccio e l’onocentauro abiteranno nelle case dei Babilonesi".

Le sirene, dice, sono creature mortali. Il Fisiologo le descrive così: fino all’ombelico hanno figura umana, mentre nella parte inferiore del loro corpo, fino ai piedi, prendono la fisionomia dei volatili; intonano canti melodiosi e dal dolce suono, così che la dolcezza di queste melodie accarezza l’udito degli uomini che giungono da lontano, e grazie ad una straordinaria soavità di suoni, fanno addormentare affascinandogli le orecchie e i sensi.

Allora, quando li vedono sopiti in un sonno profondo, li assalgono e dilaniano le loro carni e fino alla loro morte; così quelle voci dal suono dolcissimo ingannano quegli uomini ignari e inesperti.

Quelli che si dilettano nel lusso di questo mondo e nei divertimenti del teatro, rapiti dal vizio delle tragedie e delle commedie, sono dissoluti in un sonno profondo e sono fatti preda dei vizi, loro avversari.

Etimologia. Si crede che le sirene fossero tre, in parte fanciulle e in parte uccelli, provviste di ali e artigli. Una cantava, la seconda suonava il flauto, la terza la lira. E per la musica facevano rischiare il naufragio agli inesperti naviganti.

In verità furono meretrici, che portavano alla rovina i passanti: a costoro si dice che causavano naufragio. Si dice che avevano ali e artigli, perché l'amore vola e ferisce, e che dimoravano fra le onde, perchè le onde crearono Venere. (Etym. XI, III, 39)