Paolo Caponetto, 1a E

Io scrivo perchè mi piace scrivere, soprattutto in determinate situazioni, per esempio quando mi annoio o quando non voglio pensare a una cosa brutta: c'è gente che beve per dimenticare, e io, per dimenticare, scrivo. Quand'ero piccolo scrivevo una specie di scrittura per far vedere com'ero bravo: scrivevo sui fogli, ma anche sui muri di casa mia. (...) Trovavo facile scrivere in stampatello, mentre il corsivo mi pareva un modo strano e faticoso, perchè c'erano da fare un sacco di ghirigori. Scrivevo col pennarello che faceva risaltare le lettere e con la matita perchè si poteva cancellare. La prima parola che ho scritto è stata "coniglio", perchè i conigli mi piacevano tanto. (...) Oggi scrivo perchè mi è richiesto, ma anche per rilassarmi; la sera, dopo aver fatto i compiti, mi metto al computer e scrivo il libro che ho cominciato 2 anni fa. (...) Anche scrivere bigliettini mi piace molto, soprattutto quando ho paura di essere scoperto.