Renato Renato Caruso, 1a D

Mi ricordo il primo disegno che feci alla scuola materna, era il mio autoritratto: avevo la pancia quadrata e le gambe come due stuzzicadenti. Nell'ultimo anno di scuola materna iniziammo a disegnare un pochettino meglio e forse anche a scrivere qualche lettera in stampatello maiuscolo.(...) Alle elementari la prima volta mi sono messo a piangere, perche' volevo stare con la mamma. Iniziavamo a scrivere le prime lattere, ma io le confondevo, tipo: la N la facevo al contrario, la R la scrivevo come la parte anteriore di un elefante. Questo succedeva perche' impugnavo la matita male. Sono riuscito a superare questo problema, ma arrivando ai numeri ho trovato difficolta' nell'8, perche' invece di farlo tutto di fila lo scrivevo con due pallini e per questo prendevo delle sgridate dalla maestra.(...) Col passar del tempo imparammo a scrivere in stampatello minuscolo. Più avanti facemmo degli esercizi che servivano alla punteggiatura e da qui iniziammo a fare i primi testi.