Aramaica

La lingua aramaica, affine all'ebraico, era parlata dagli aramei, popolo semitico diffuso in tutto l'antico oriente, ma privo di un proprio territorio. Il centro più noto era Babele. Il suo alfabeto, derivato dal fenicio, ebbe larghi sviluppi, dando origine ad altri alfabeti, tra cui anche quello arabo, e nella sua forma quadrata fu adottato dall'ebraico. In una sua varietà, detta biblica o caldaica, furono scritti tra il VI ed il II sec. a.C. diversi testi biblici (img).