Etrusca

Intorno al 700 a.C.gli Etruschi adottarono un alfabeto (img), simile a quello grecoo ccidentale, trasmesso dai Calcidesi. L'etrusco è tramandato da circa 7500 testi, per lo più brevi o brevissimi, scritti tra la fine dell'VIII secolo a.C.e il primo secolo d.C. Il novanta per cento circa dei testi in lingua etrusca è costituito da iscrizioni funerarie (img) che riportano per lo più, oltre al nome, informazioni relative alla sepoltura, all'età del defunto, alle cariche pubbliche ricoperte. Circa una trentina di testi in etrusco presentano un parallelo in altra lingua: si tratta delle cosiddette iscrizioni bilingui. Di queste, quelle più importanti sono incise su due LAMINE D'ORO rivenute nel santuario di Uni a Pyrgi. La scrittura etrusca va di regola, da destra verso sinistra. Ciò si evidenzia, tuttavia, solo alla metà del VI secolo a.C. Nel periodo precedente la scrittura etrusca è prevalentemente destrorsa. La divisione delle parole è indicata per mezzo di punti, o ramente,mediante spazi. In epoca arcaica quasi tutti i testi non hanno divisione delle parole (sono cioè in "scriptio continua").