Magia e potere dei segni

Quando le grotte vennero abbandonate ed i cacciatori divennero agricoltori (img) o pastori (img), la pittura - magia divenne inutile; come conseguenza o scomparve, o divenne più approssimativa senz'altra ricerca che quella di tratteggiare le figure abbastanza chiaramente per poterle distinguere con quei pochi tratti che erano appena sufficienti perchè una figura non venisse confusa con un'altra. I segni acquisirono pian piano il valore di simboli, iniziava così l'affascinante storia della scrittura. Nel mondo antico le prime scritture nacquero nell'area mesopotamica e in Egitto circa 5000 anni fa. In queste regioni lo sviluppo dell'agricoltura e la formazione delle prime città furono la base di un profondo rivolgimento sociale. Da una società tribale si passò ad una organizzazione della società su base statale con l'emergere di classi dominanti sotto il profilo economico, politico e religioso. Si può presumere che le prime forme di comunicazione scritta fossero funzionali ad un modo nuovo di gestire le attività economiche, politiche, religiose. La conoscenza della scrittura fu all'inizio un fatto riguardante poche persone: amministratori (img), sacerdoti (img), re (img) Questo fatto spiega perchè per molti secoli la scittura è stata utilizzata a scopi contabili, commemorativi, agiografici, magici e religiosi. Si incominciò anche a conservare i documenti nelle prime biblioteche della storia.