Andrea Santoiemma, 1a E

Io scrivo perchè mi diverto e mi sento come Giulio Verne e Ferenc Molnar. Anche se so di esagerare, mi piace pensarlo, mi dà la grinta per continuare a scrivere. Scrivo dopo aver letto un libro interessante: scrivo tantissimo, ma se vengo interrotto non riesco più bene. Scrivo su fogli, quaderni, block notes, e non copio mai "in bella". Mi è sempre piaciuto scrivere su banchi, scrivanie e tavoli, in stampatello. Oltre che per puro piacere, scrivo per comunicare impressioni e sensazioni agli altri, o per raccontare fatti accaduti o che mi piacerebbe accadessero.