menu

I RIFUGI NATURALI E LE PRIME COSTRUZIONI

Il problema della casa si pose all'uomo primitivo probabilmente quando dovette rinunciare ai ripari naturali che originariamente gli servivano come abitazione, cioè cespugli, alberi cavi, buche nel suolo e principalmente le caverne, o più semplicemente dei massi sporgenti che opponevano un ostacolo, anche parziale, al vento e alla pioggia. Dovendosi continuamente spostare per inseguire la selvaggina, per cercare regioni più ospitali, o, più tardi, pascoli più ricchi per il suo bestiame, l'uomo preistorico si trovò nella necessità di procurarsi un riparo che non dipendesse totalmente dalle imprevedibili condizioni climatiche e ambientali dei vari luoghi e offrisse protezione dal vento e dalla pioggia a quel bene prezioso che era il fuoco. Questo riparo doveva potersi costruire semplicemente, con gli strumenti rudimentali e i materiali di cui disponeva, e poichè la maggior parte dei popoli prim! itivi era nomade, il riparo esigeva di essere fatto in modo da potersi smontare e trasportare facilmente. E' proprio da questa esigenza legata alla vita nimade che sembra essere nata la capanna preistorica.


Pagine curate da Mario Castagnetti e-mail (carducci@comune.modena.it).