Precedente Inizio Seguente

2. Analogie tra discipline umanistiche e discipline scientifico-tecnologiche

Il terreno più propizio all'applicazione della D.B. è rappresentato dalle discipline scientifiche, e, ancor più, da quelle tecnologiche. Queste sono caratterizzate da un numero rilevante di applicazioni cui sono sottesi pochi principi basilari. La ristrutturazione-razionalizzazione della materia consiste nel ricondurre le molte applicazioni ai pochi principi, prima smontando ("distillazione") la disciplina nei suoi pezzi elementari, poi rimontandola in forma "breve". è possibile, e soprattutto è utile, un simile procedimento nell'area umanistica?

Osserviamo innanzi tutto che spesso le materie umanistiche presentano, al pari di quelle tecniche, un numero elevato di strutture (ad esempio linguistiche) che rinviano a poche funzioni (ad esempio sintattiche). In questi casi si tratta di ordinare la materia, solitamente presentata in modo disordinato e paratattico senza una gerarchia né una strutturazione precisa (o chiaramente esplicitata), in modo da fare emergere la struttura, lo "statuto", le logiche sottese. è da questa razionalizzazione, risultato di un'attività di ricerca metodologica disciplinare, che discende la possibilità di un insegnamento più "breve" e, soprattutto, qualitativamente migliore.

3.Limiti di una estensione della D. B. alle discipline umanistiche

Naturalmente esistono, soprattutto nelle discipline umanistiche (ma non solo in queste) aspetti e attività per i quali non ha senso parlare di brevità. Che senso avrebbe proporsi di accelerare il momento della libera e piacevole fruizione di un testo letterario? Se c'è un piacere del testo - e se il favorire questo piacere è un obiettivo importante dell'insegnamento letterario - perché mai lo si dovrebbe abbreviare? Così nell'insegnamento della filosofia, disciplina incentrata sulla riflessione rigorosa del significato, che senso avrebbe velocizzare la meditazione, che per sua natura è lenta e paziente? Se mai il rapporto tra questi momenti refrattari alla velocizzazione e la D.B. è nel fatto che questa consente, anticipando rapidamente gli aspetti fondamentali della materia ("lo zoccolo duro"), di ritagliare maggior tempo per queste attività "lunghe". Occorre una didattica breve, per fare all'occorrenza una didattica lunga.

3.1. Ambiti nei quali è auspicabile una D.B. delle discipline umanistiche.

La vocazione transdisciplinare

Quali, allora, dei molti obiettivi che l'insegnamento linguistico, letterario, storico, ecc. si propone sono meglio conseguibili con le metodologie "brevi"? Diciamo, tutti quelli che implicano:

- capacità di formalizzazione e oggettivazione di strutture linguistiche: grammaticali, stereotipizzate (temi, motivi, topoi), ecc;

- ricerca di nuclei concettuali, di costanti, di invarianti comuni a elementi superficialmente diversi ( strutture sintattiche, temi, motivi, ecc.) ;

- capacità di cogliere elementi e "ragionamenti" transdisciplinari.

Sottolineo qui di sfuggita la vocazione transdisciplinare della D. B., la quale mira a evidenziare metodi, concetti, modelli proficuamente utilizzabili in discipline diverse, mentre è meno interessata all'interdisciplinarità (che implica piuttosto la cooperazione, la mutua integrazione di ottiche diverse nella consapevolezza della parzialità di ciascuna). Mi paiono pienamente condivisibili queste considerazioni di Armando Gnisci:

Il discorso metodologico e didattico dell'interdisciplinarietà si è dimostrato spesso sterile, astratto e difficoltoso se prospettato solo come cointeressenza diplomatica di saperi formatisi e definitisi specilisticamente. A questo tipo di interdisciplinarietà bisogna contrapporre una più complessa, rischiosa e fertile logica della trandisciplinarietà (capacità di attraversare i sapere e di servirsene in un'ottica globale) che ha la sua origine in una formazione complessa, aperta e nello stesso tempo mirata alla globalità, alla riorganizzazione sistemica del sapere (A. Gnisci) 0.

La D. B. mira a favorire negli studenti il transfer degli apprendimenti.

Precedente Inizio Seguente