home | testo | traduzione| personaggi | luoghi| tempi| focus | trama |analisi | suspense |

L'analisi in "The fly paper"

Questa, più che una analisi del testo vero e proprio, è l'analisi delle difficoltà che abbiamo trovato, sia come lessico (vocaboli) che come struttura (sintassi) nella traduzione da una lingua straniera.

In questo testo l'uso del discorso diretto è abbastanza frequente, e rispecchia molto fedelmente le caratteristiche dei personaggi. L'uomo usa un linguaggio non consueto, con parole antiquate e ricercate, che abbiamo fatto molta fatica a rendere in italiano, mentre la ragazzina usa un linguaggio semplice e diretto.

L'uso frequente della virgola ha creato delle difficoltà perché in inglese la virgola viene posta anche dopo la congiunzione "e", mentre in italiano questo uso non è corretto. Abbiamo deciso di mantenere la punteggiatura inglese, anche se questo può dare una impressione di non esattezza in italiano.

Una caratteristica stilistica è data dalle ripetizioni. Alcune parole ripetute come "oscurità", "darkness" o "scuro", "dark" o "darkened", riferite a colori, stagioni, ambienti, in realtà rispecchiano i sentimenti della povera ragazzina e anche la sua tristezza e la sua angoscia non solo nei confronti di quello che le capita, ma anche nei confronti della sua vita in generale. Silvia è angosciata e impaurita per l'incontro con l'uomo, ma è ancora prima triste e infelice per la morte della mamma, perché è costretta ad andare dalla signorina Harrison per la lezione di musica, perché è costretta dalla nonnna a vestirsi come non vorrebbe e anche perché sa di essere una ragazzina noiosa che non piace a nessuno.

Un problema particolare l'abbiamo incontrato nella traduzione del pronome "you" dall'inglese. Solo alla fine della storia si scopre che l'uomo e la donna che Silvia incontra si conoscono, e che quindi si danno del tu, ma in inglese questo rimane ambiguo fino alla fine. Abbiamo deciso di tradurre il pronome con il "lei" quando i due che si parlano sull'autobus, dato che c'è anche un appellativo, "Madam", che fa pensare a due estranei, mentre abbiamo pensato che la donna passasse al "tu" quando si rivolge con disprezzo all'uomo, facendo finta (ma anche questo lo sappiamo solo alla fine!) di minacciarlo.

Un'altra difficoltà sono state le allitterazioni e le parole ripetute. Per esempio abbiamo tradotto "neat and natty" con "pulito e preciso" per mantenere le iniziali uguali anche se non rende bene il significato e abbiamo tradotto "thankfully" sempre con "grazie al cielo" anche se in una prima stesura lo avevamo tradotto in modo differente nelle diverse parti in cui compare.



home | testo | traduzione| personaggi | luoghi| tempi| focus | trama |analisi | suspense |

This page is maintained by Suad and Annalisa 2C IPSSCT Manfredi. Last modified on 01/07/99.