Capitolo VII

Ma: -Ieri sera, ti ho visto con Valentina, dicevi che non ti eri accorto di niente, parlavi solo di lavoro e invece... Hai ragione, Alan, ma...è successo tutto così in fretta, non volevo. -Non aggiungere altro, torno a Londra, sarò io adesso a occuparmi del lavoro. -Alan, non fare lo scemo, mi sono lasciato trasportare, sai com'è, dopo quello che mi avevi  detto..., ma non volevo ferirti, rimani per favore, vedrai, tutto tornerà come prima. -No, è inutile e stupido cercare di nascondere quello che è successo, e poi ho visto come la guardavi e come ti guardava lei, l'avevo già capito, ricordi?  Ancora una volta Alan era riuscito a leggere negli occhi di un altro. Patrick non riuscì a fargli cambiare idea, ma non si preoccupò, perché negli ultimi anni l'amico era diventato più forte. Pensò che avrebbe affrontato la delusione senza lasciarsi andare, ma forse pensava solo a lei. punto.jpg (2786 byte)

frecciasx.jpg (866 byte)                                                                 frecciadx.jpg (847 byte)

copertina     incipit      racconto     capitoli       personaggi