Storia di Ali az-Zaibaq il Cairino (da: Le mille e una notte)

Riassunto

Ali è un malvivente del Cairo, capo di una banda di quaranta seguaci, al quale viene dato il soprannome di az-Zaibaq (mercurio) perché riesce sempre a sfuggire alla caccia della polizia.

Un giorno un acquaiolo, al quale aveva chiesto da bere, gli consegna un messaggio di un suo ex-capo, Ahmad ad-Danif, che risiede a Baghdad ed è divenuto capo della guardia del califfo locale. Ahmad invita Ali a recarsi a Baghdad per tentare di ottenere, grazie alla sua furbizia, il favore del califfo ed avere da lui un incarico ed uno stipendio.

Ali parte e, dopo un viaggio avventuroso nel quale salva un ricco mercante dal rischio di essere sbranato da un leone e da un attacco di predoni, giunge a Baghdad. Qui si incontra con Ahmad, prende alloggio nella sua caserma, ma rifiuta per il momento la sua proposta di entrare al servizio del califfo, perché intende girare un po' per la città da uomo libero.

Mentre gira per la città, Ali incontra Dalila la Furba, la custode del caravanserraglio: usando pratiche divinatorie, Dalila scopre l'identità di Ali e prevede che questi potrà rappresentare un pericolo per lei e per sua figlia Zainab, che hanno rubato i vestiti agli uomini di Ahmad. Zainab fa in modo di incontrare Ali, che viene sedotto dalla sua bellezza: lo attira in una casa vuota e, con uno stratagemma, lo cala in un pozzo, dopo avergli rubato i vestiti.

Quando il padrone di casa, l'emiro Hasan, ritorna, scopre Ali nel pozzo e si fa confessare la verità. L'emiro rivela poi ad Ali chi era la ragazza e gli chiede che cosa voglia fare. Ali risponde che intende sposarla. L'emiro gli promette che egli raggiungerà il suo intento, se riuscirà a protare via dal caravanserraglio tutti i vestiti che vi si trovano. Hasam spiega anche ad Ali come dovrà comportarsi: dovrà sostituirsi al cuoco che prepara i pasti per Dalila e Zainab.

Ali segue le istruzioni di Hasam, imbroglia il cuoco e si sostituisce a lui. Quando sta per rientrare nel caravanserraglio, Dalila lo riconosce, ma non ha le prove per smascherarlo. Ali infatti è molto furbo e riesce, grazie ad una serie di indizi che sa sfruttare abilmente a muoversi a suo agio nell'ambiente sconosciuto, convincendo tutti che egli è veramente il cuoco. Narcotizzato tutto il personale del caravanserraglio e le stesse Dalila e Zainab, Ali porta via tutti i vestiti e li consegna ad Hasam.

Risvegliatasi, Dalila riconosce l'abilità di Ali e si reca alla caserma di Ahmad per fare pace con lui. Tramite Hasam, Ali chiede a Dalila di poter sposare sua figlia. Ma Dalila gli dice che il benestare al matrimonio può essere dato solo dallo zio di Zanaib, Zuraiq. Questi è un pescivendolo che sfida tutti i briganti del Cairo, dell'Iràq e della Persia a portargli via una borsa di denari, che tiene appesa nel suo negozio. Dopo molti tentativi falliti, Ali riesce a poratre via la borsa e la restituisce a Zuraiq, in cambio della mano della nipote Zanaib. Ma, riavuta la borsa, Zuraiq precisa che la stessa Zanaib si è promessa solo a chi le porterà il vestito di Qamar, la figlia dell'ebreo Ezra.

Anche l'ebreo Ezra sfida tutti i briganti dell'Egitto, dell'Iràq e della Persia a rubargli il vestito della figlia Qamar. L'impresa sembra impossibile, perché Ezra è un mago potentissimo. Ali, tuttavia, vuole tentare. Inizialmente le cose vanno molto male: egli viene trasformato in asino, in orso, in cane. In quest'ultima forma, si rifugia in casa di un rigattiere. Qui riacquista le sue sembianze umane, grazie all'intervento della figlia del rigattiere e della sua schiava. Il rigattiere promette ad Ali la figlia e la schiava. Nella casa del rigattiere giunge anche la figlia dell'ebreo che, nel frattempo, innamoratasi di Ali e consigliata da un sogno, ha ucciso il padre e si è fatta mussulmana. Qamar consegna ad Ali il suo vestito e gli si promette in moglie.

Ali, dopo avere sventato, grazie all'aiuto di Hasam, un'ultima insidia tesagli da Dalila, viene finalmente presentato al califfo, che rimane ammirato della sua abilità, lo assume al suo servizio e gli fa costruire una caserma, dove Ali potrà far venire i suoi quaranta compagni dal Cairo. Per intercessione del califfo, viene anche fissato il matrimonio fra Ali e Zainab, nonché quello con le altre tre donne: la figlia del rigattiere, la sua schiava e Qamar, la figlia dell'ebreo.

ritorna al "I padri fondatori"

This page is maintained by Luciano Stupazzini (stps30k1@bo.nettuno.it)
Last modified on 07/03/96.
Ad inizio pagina