Alla home page IRRE ER

Aristotele, Poetica 1452a30-36 = 11.2-3

2. Il riconoscimento (a)nagnw/risij) [...] è un mutamento da ignoranza a conoscenza, che sfocia in un atteggiamento di amicizia o di ostilità nei confronti dei personaggi che sono destinati ad una buona o a una cattiva sorte. La forma più efficace del riconoscimento si ha quando assieme ad esso si verifica un mutamento improvviso di situazione (peripe/teia), come succede nell'Edipo.

3. Ci sono poi anche altri tipi di riconoscimento: infatti il riconoscimento può verificarsi in relazione ad oggetti e a circostanza casuali (pro\s a)/yuxa kai\ ta\ tuxo/nta), e si ha riconoscimento anche quando si appura se uno ha compiuto o no un'azione (ei) pe/prage/ tis h)\ mh\ pe/pragen).

ritorna al "La tragedia"

This page is maintained by Luciano Stupazzini (stps30k1@bo.nettuno.it)
Last modified on 07/03/96.
Ad inizio pagina