Alla home page IRRE ER

Il lupo mannaro (Petronio, Satiricon 61.6-62.13)

Riassunto

Nicerote, quando era un giovane schiavo, dovette fare un viaggio notturno per recarsi a trovare una sua amante cui era morto il marito. Egli si prende come compagno di viaggio un ospite del suo padrone: un soldato. Questi ad un certo punto si apparta per un bisogno fra le tombe che fiancheggiano la strada. In realtà, quando si trova in mezzo alle tombe, il soldato si spoglia, urina attorno ai suoi vestiti e si trasforma in lupo. Nicerote fa per raccogliere i vestiti del compagno ma li trova tramutati in pietra.

Atterrito, il giovane corre a perdifiato verso la fattoria della sua amante. Quando vi giunge trafelato, la donna lo rimprovera di essere arrivato tardi: se fosse giunto prima avrebbe potuto aiutarla a combattere un lupo che ha divorato tutte le pecore; il lupo però è stato colpito al collo.

Appena può Nicerote scappa anche dalla fattoria per tornare a casa. Nel punto dove i vestiti si erano tramutati in pietra rinviene soltanto delle chiazze di sangue. Arrivato a casa, trova il soldato disteso sul letto e, accanto a lui, un medico che gli sta curando una ferita al collo.

ritorna al "La suspense dell'horror"

This page is maintained by Luciano Stupazzini (stps30k1@bo.nettuno.it)
Last modified on 07/03/96.
Ad inizio pagina