Alla home page IRRE ER

pseudo Quintiliano, Declamazioni maggiori 1.1

Testo latino
Traduzione
Quidam, cui erat filius caecus, quem heredem instituerat, induxit illi novercam iuvenemque in secreta domus parte seposuit.Un tale, che aveva un figlio cieco, da lui istituito come erede, gli portò in casa una matrigna e confinò il giovane in una zona appartata della casa.
Is noctu, dum in cubiculo cum uxore iaceret, occisus est inventusque postero die habens gladium filii defixum in vulnere, pariete ab ipsius ad filii cubiculum vestigiis palmae cruentato.Il padre, mentre dormiva nella sua stanza con la moglie, fu assassinato e trovato il giorno dopo con la spada del figlio ancora conficcata nella ferita; sulla parete che separava la stanza padronale da quella del figlio si vedevano impronte di mani insanguinate.
Accusant se invicem caecus et noverca.Il cieco e la matrigna si accusano reciprocamente.

ritorna al § "Le esercitazioni retoriche"

This page is maintained by Luciano Stupazzini (stps30k1@bo.nettuno.it)
Last modified on 07/03/96.
Ad inizio pagina