Alla home page IRRE ER

I tesori di Rampsinito (Erodoto, Storie 2.121)

Riassunto

Il faraone Rampsinito si fa costruire una camera di sicurezza per nascondervi i suoi tesori. Il costruttore dispone però una pietra del muro in modo che possa essere facilmente tolta anche da un solo uomo. Prima di morire, il costruttore rivela il segreto della pietra mobile ai suoi due figli. Questi ne approfittano subito e cominciano a svaligiare la sala del tesoro. Il re si stupisce di vedere diminuire il tesoro, mentre i sigilli sono intatti. Per venire a capo dell'enigma il re fa disporre dei lacci attorno ai vasi contenenti i preziosi. Quando i due fratelli compiono un'altra incursione, uno dei due viene preso in un laccio. Egli allora convince il fratello a tagliargli la testa, per evitare di essere riconosciuto. Il fratello così fa e si allontana portando via la testa mozza.

Il re si stupisce ancora di più quando ritrova nella stanza chiusa un cadavere senza testa. Fa appendere il cadavere giù dalle mura, sperando che i lamenti dei parenti consentano di identificarlo. La madre del morto impone al fratello sueprstite di staccare dal muro il cadavere: se questi non lo farà, minaccia di rivelare la verità al faraone.

Il giovane riesce con uno stratagemma a far ubriacare tutti i soldati di guardia al cadavere e nottetempo sottrae il cadavere del fratello.

Il re rimane sempre più stupito dell'abilità di questo ladro ed escogita un mezzo (che a Erodoto però sembra incredibile) per identificarlo. Colloca la figlia in un postribolo con l'ordine di obbligare tutti i clienti a raccontarle, prima di intrattenersi con lei, la loro azione più intelligente e quella più scellerata. Chi avesse raccontato il fatto, doveva essere trattenuto.

Il giovane ladro accetta la sfida: taglia il braccio a un cadavere e si presenta alla figlia del re con questo braccio sotto il mantello. Alle domande della figlia del re, risponde la verità e quando la donna, al buio, cerca di afferrarlo, le porge il braccio del cadavere, mentre egli fugge.

Il re ammira l'astuzia del giovane e gli promette non solo l'impunità ma anche grandi doni: il giovane si presenta e ottiene in moglie la figlia di Rampsinito, che si è meritata perché se gli Egiziani superano per intelligenza gli altri, egli superava gli Egiziani stessi.

ritorna al "I padri fondatori"

ritorna al "La suspense dell'astuzia"

This page is maintained by Luciano Stupazzini (stps30k1@bo.nettuno.it)
Last modified on 07/03/96.

Ad inizio pagina