Intorno al 1420 il filosofo e dottore veneziano Giovanni da Fontana era orgoglioso di
 avere progettato e realizzato questo veicolo "semi-autopropulsore", azionato da un
 complesso e ingombrante meccanismo di cinghie, tamburi e carrucole.