L'uso metaforico del termine "forbici" è diffusissimo: forbici della censura, giornale fatto con le forbici, lingua tagliente come forbici, andamento a forbice (di fenomeni economici che divergono vistosamente), e spazia dal campo sportvo ( la  forbice della nuotatrice e la sforbiciata del campione di salto in alto), a quello individuale (dare un colpo di forbice al passato).

Le forbici sono anche, volendo, degli insetti.

"Carta vince sasso/forbici vincono carta/ sasso vince forbici" è anche un divertente gioco, che potresti giocare.
Basta una mano: aperta=carta; a pugno=sasso; con indice e medio tesi=forbici; e, naturalmente, la mano di un amico disposto a giocare.

Sulle forbici ha scritto una deliziosa poesia, "Ode alle forbici", Pablo Neruda