Il pince-nez, "stringinaso", l'occhiale più usato nell'Ottocento, deriva dai più antichi modelli ad arco. E' un occhiale molto leggero, con lenti quasi sempre ovoidali, unite tra loro da una molla che ne assicura l'aderenza al naso. La montatura è sottile, e spesso manca del tutto, essendo la molla direttamente fissata alle lenti. Un anello nella parte inferiore destra (per chi indossa gli occhiali) permette di assicurare il pince-nez all'abito, per mezzo di un cordoncino.
Poichè portando gli occhiali la molla tende a scaricarsi, di notte le due lenti vengono sovrapposte, forzando la molla nel senso contrario, per ricaricarla.
Alternativa elegante al pince-nez fu per qualche tempo il monocolo, che si portava incastrato tra lo zigomo e l'arco sopraccigliare. Naturalmente la lente doveva essere molto leggera, e soprattutto debolmente graduata, per evitare scompensi di visione tra i due occhi.
Se il pince-nez è il tipico occhiale maschile, che conferisce aspetto severo a chi lo indossa, negli stessi anni l'occhiale per signore era il face-à-main.