I Romani adottarono in parte le calzature etrusche, che consistevano in una suola allacciata al piede; in seguito la calzatura variò secondo il ceto. Il calceus era una scarpa chiusa il cui uso era vietato agli schiavi; vi era poi una scarpa di uso comune (soccus), mentre le classi meno abbienti usavano zoccoli di legno, e i militari speciali stivali (caliga).

1 2 3 

1) La bottega di un calzolaio. Bassorilievo da un sarcofago del primo secolo d.C.
2) e 3) Vari tipi di calzature in uso presso i Romani.