On.le Prof. Luigi BERLINGUER

Ministro della Pubblica Istruzione

Viale Trastevere, 76/A

00153 - ROMA

Invio documento.

On.le Sig. Ministro,

In considerazione dei risultati cui è pervenuta la Commissione dei Saggi per quanto attiene l'area tecnologica, mi permetto di inviare alla Sua cortese attenzione un documento elaborato a seguito di un recente Convegno interIRRSAE che appare in notevole sintonia con i risultati suddetti.

Augurandomi che il documento riscontri un Suo interesse tale da favorire ogni forma di collaborazione con codesto Ministero e con le Scuole, Le invio cordiali e deferenti saluti.

Filippo Ciampolini
Presidente dell'IRRSAE-E.R.

RT/mm


ALLA CORTESE ATTENZIONE DEL

PROF. ROBERTO MARAGLIANO

COORDINATORE DELLA COMMISSIONE DEI SAGGI - ROMA

BOLOGNA

Egregio prof. Maragliano, Le trasmetto, con la presente, il documento conclusivo del seminario di studi che ha riunito per quattro giorni tecnici ed esperti intervenuti per conto degli IRRSAE Emilia Romagna, Friuli, Marche e Sicilia, nonché docenti universitari e operatori culturali interessati a fornire, sulla scorta di un lavoro pluriennale di ricerca avviato e gestito da questi Istituti, un contributo meditato, aperto e propositivo al dibattito sul ripensamento e sulla ridefinizione dell'offerta formativa della nostra scuola che Lei ha coordinato a livello centrale.

Come Lei può verificare nel documento, l'obiettivo della nostra riflessione è stato quello di tentare una messa a punto ad ampio spettro del significato e della portata formativa che la cultura tecnologica e il sapere colto tecnologico debbono irrinunciabilmente assumere in un nuovo progetto di educazione e formazione dei cittadini in una situazione di crescente complessità e di rapidissima pervasività della tecnologia nel vissuto quotidiano, nell'attività di lavoro, nei flussi di produzione e consumo.

La motivazione fondante del documento si ricollega esplicitamente alla domanda di contributi di alto profilo che la messa in rete dei risultati della Commissione evidentemente esprime, e vuole costituire un ulteriore nucleo di riflessione che, a nostro avviso, integra efficacemente il vasto panorama di idee e di proposte che Lei ha coordinato e raccolto.

Come lei noterà accanto al taglio sempre propositivo, il documento è teso a raccogliere gli interrogativi di fondo posti dal Ministro e cerca di articolare ipotesi di risposta in cui il punto di vista della cultura tecnologica sia costantemente coniugato con le grandi istanze culturali, sociali e progettuali che ci sembra siano il sostrato irrinunciabile da cui questa grande riforma può trarre sostentamento e sviluppo.

Come è naturale si tratta di un documento strutturato ma aperto perché, anche con il supporto della Sua opera di coordinamento, possa sollecitare nella volontà politica una più puntuale considerazione delle specificità e dei valori formativi e operativi che un sapere colto tecnologico, largamente partecipato ai giovani lungo i nuovi cicli del sistema scolastico, può concretamente apportare se fatto proprio dal legislatore.

Distinti saluti.

IL PRESIDENTE

-FILIPPO CIAMPOLINI-