Installazione e configurazione di Waffle UUCP


  1. Funzioni di WAFFLE UUCP
  2. Configurazione di WAFFLE, Su singolo calcolatore
  3. Configurazione di WAFFLE, In rete Netware
  4. STATIC file
  5. SYSTEMS file
  6. DIALERS file
  7. SCRIPTS file
  8. Chiamate (Dialing out), UUCICO
  9. Come Lavora ?
  10. Usando Waffle Mail
  11. Definizione degli account UUCP
  12. Waffle come Host
  13. Chiavi nei log files
  14. Schedules in Waffle


  1. Funzioni di WAFFLE


  2. Configurazione di WAFFLE, su un singolo calcolatore


  3. Setting up WAFFLE, LAN (Netware) Configuration


  4. STATIC file, parametri di base

    Il file STATIC e' il file piu' importante nella definizione dei parametri di Waffle. Qui vengono definiti sia le caratteristiche fisiche della macchina (dischi, linea seriale, modem..) sia i nomi di rete del nodo waffle che del calcolatore chiamato (smarthost).

          device:      2 					(numero della porta seriale com?)
          speed:       38400 				(massima velocita' del modem)
          locked:      38400 				(velocita'del modem bloccata)
          initialize:  AT H0 M1 S0=1 V1 E1 X3 		(dipendono dal modem)
          node:        scuola0.bo.cnr.it
          alias:       scuola0.UUCP
          uucpname:    scuola0
          organ:       Scuola Comunale numero 0
          timezone:    MET 1
          smarthost:   arci01
          backbone:    arci01.bo.cnr.it
          files:       c:\waffle\files 			(per LAN usa drive E)
          spool:       c:\waffle\spool
          temporary:   c:\waffle\tmp
          user:        c:\waffle\user
          waffle:      c:\waffle
        
    

    Note: I directories FILES, SPOOL, TMP e USER devono essere creati a mano


  5. SYSTEMS file

    In questo file sono specificati i calcolatori remoti che possono essere chiamati dal sistema Waffle

    1         2     3   4         5           6             7        8
    arci01    Any   g   Hayes2400 toUnix      510446        kidnet   Paswwww
    daddyx    Never g   Null.9600 toUnix      6666999       Udaddy   Uuuuuuu
    

    Dove:

    1. Nome della macchina Remota cioe' del calcolatore da chiamare (smarthost)
    2. Ore per le chiamate; "Never", "Any", "Evening", etc.
    3. Protocollo di comunicazione, g e' il protocollo UUCP di default
    4. Tipo di modem. Sara' usata l'entry corrispondente nel file DIALERS.
    5. Nome dello script di connessione. Sara' usato lo script corrispondente nel file SCRIPTS.
    6. Numero di telefono da chiamare. Negli SCRIPTS questo numero sara' richiamato usando la chiave \T .
    7. Login name da usare nella connessione al sistema remoto (sostituisce \L in script).
    8. Password da usare (sostituisce \P in script).*


  6. DIALERS file

    In questo file vengono descritti i Modem conosciuti dal sistema Waffle.

    1         2         3       4
    Hayes2400 default   38400   "" ATX3V1M1&D2 OK ATDT\T CONNECT \M\c
    

    where

    1. Sigla che definisce il tipo di modem
    2. Linea seriale su cui e' collegato. "Default" o "Any" fara' riferimento alla chiave "device" nel file static. I valori validi sono: 1 ... 4 e "com1" ... "com4"
    3. Velocita' tra modem e seriale (DTE)
    4. Series di sequenze expect/send per dialogare con il modem. (Dipende dal tipo di modem).


  7. SCRIPTS file

    Contiene gli script per i differenti collegamenti.

    
    1          2
    toUnix     "" \r\p ogin:--ogin: \L sword: \P
    toWaffle   NEW:--NEW: \d\L word: \P
    toNull
    toCisco    "" \r\p\p\p\r\c > login\s\L word: \P > open\s\S\s540 in: \L rd: \P
    

    dove:

    1. Nome dello script
    2. Script connettersi al sistema remoto. Cioe' serie di sequenze Arrendi/Trasmetti.Sono anche riconosciuti i codici seguenti: \P che viene sostituito con la passord, \L che viene sostituito con il login name come definiti nel file SYSTEMS.


  8. Chiamata (Dialing out), UUCICO

    Il programma usato da Waffle per connettersi ad un altro calcolatore UUCP e' UUCICO localizzato in \waffle\bin. Per realizzare la connessione UUCP al calcolatore arci01 si puo' usare il comando:

    Waffle dispone di un batch file chiamato POLL.BAT (in \waffle\bin) che gia' contiene le entries necessarie per chiamare un sistema remoto, Questo include:

    Sono disponibili vari flag su UUCICO;Per avere una lista basta lanciare il comando UUCICO dal prompt DOS. Ad example, -r5 dice ad UUCICO di provare a chiamare fino a 5 volte; il parametro -t90 definisce di attendere 90 seconds per una connection prima di un timing out.

    Il comando batch e' usato per definire i "feeds di news" in ingresso e non e' richiesto dal sistema di trasferimento dei mail.


  9. Come lavora?

    Una volta che il poll bach file e'in esecuzione succedono le cose seguenti:

    1. uucico verifica l'esistenza del 'nome di sistema' specificato all'interno del system file. Se il nome non e' trovato nel file uucico scrive un messaggio e termina l'esecuzione.

    2. uucico ricava il nome del dialer (o modem, campo numero 4 nel systems file) e cerca per un nome equivalente nel dialers file. Se lo trova inizializzera' il modem in accordo con i parametri specificati e dial number indicati nel systems file (campo numero 6) via parametro \T .

    3. Una volta che il modem e' riuscito a connettersi con il sistema remoto uucico prende il nome dello script di connessione (campo numero 5) dal systems file e cerca per una definizione equivalente in script file

    4. Lo script e' eseguito e il login name e la password (rispettivamente \L e \P ) sono presi dai campi 7 e 8 nei systems file

    5. A questo punto i due sistemi si scambiano i mail e le news (se ve ne sono). Quando questi sono terminati uucico chiude la connessione.

    6. Il controllo passa ora a uuxqt che processa tutti i comandi ricevuti dal sistema remoto (mail and news).


  10. Usando Waffle Mail

    1. Run "waffle local" dal prompt C:\ (E:\) prompt
    2. Login come root
    3. Password (default) e' root oppure system.Puo' essere cambiata.
    4. Al prompt scrivi m (per mail) e segui le istruzioni.
    5. Exit Waffle con logout.

    Tre diversi files sono creati per ogni messaggio di mail inviato. Uno ha estensione CMD ed e' usato localmente per processare le richieste.Il secondo file, con estensione DAT, contiene il messaggio e la sua intestazione (header). Il terzo ha estensione XQT e contiene i comandi che saranno eseguiti sul sistema remoto per spedire il mail. Sia i file .DAT che .XQT fsono trasferiti al sistema remoto. Per ogni mail sono quindi trasferiti due file.

    Tutti tre i file sono posti nel directory:\waffle\spool\system_name Per esempio se lo smarthost e' definito come arci01 allora questi file saranno posti nel directory \waffle\spool\arci01. Una volta che i file saranno trasferiti con successo questi verranno automaticamente cancellati.

    - Usa il comando UUQ in \waffle\bin per ferificare le code


  11. Creazione di account UUCP

    Gli account UUCP sono necessari se si prevede che il sistema remoto chiami la macchina Waffle e faccia partire una sessione UUCP. Di solito non e' necessario configurare un UUCP account. Altrimenti .... Proceed as follows:

    1. Type "waffle local" at prompt
    2. Login as root or system
    3. default password is root or system. Should be changed.
    4. Type a for ADMIN at Waffle prompt
    5. Waffle provides default UUCP account; copy uucp default account uucp hostname as follows:
               c uucp Ufogua
      
    6. change password for new uucp account as follows:
                s Ufogua
      

      and change password in first entry.

    7. When done, type q to exit ADMIN
    8. Exit waffle with logout

    Note that a new entry for each new system must also be added in the SYSTEMS file.


  12. Waffle come Host

    Usa RUN bach file per attivare. RUN carica Waffle ed attende per una chiamata dal modem. Waffle e' inizializzato in accordo con i parametri definiti nello STATIC file. Lo standard RUN batch file fornito con Waffle e':

    :TOP
    @ECHO OFF
    WAFFLE %1
    IF ERRORLEVEL == 140 GOTO EXEC
    IF ERRORLEVEL == 120 GOTO CHROME
    IF ERRORLEVEL ==  80 GOTO END
    IF ERRORLEVEL ==  60 GOTO POLL
    IF ERRORLEVEL ==  40 GOTO UU
    IF ERRORLEVEL ==  20 GOTO CRON
    GOTO TOP
    :EXEC
    CALL EXECUTE
    GOTO TOP
    :CHROME
    CHROME
    GOTO TOP
    :POLL
    CALL POLL
    GOTO TOP
    :UU
    CALL UUSHELL
    GOTO TOP
    :CRON
    CALL CRON
    GOTO TOP
    :END
    

    Waffle fornisce differenti opzioni in accordo con il tipo di chiamata. Una chiamata UUCP (exit level 40) mandera' in esecuzione il batch file uushell che di default contiene (directory \waffle\bin):

    @ECHO OFF
    
    UUCICO -r0
    
    UUXQT
    
    BATCH
    
    

    esso esegue UUCICO nel cosi' detto "slave mode" (uucico - r0). In questo modo uucico risponde alla chiamata.


  13. Key Log Files

    Waffle fornisce alcuni log file che contengono il tracciato di tutta l'attivita' del nodo Waffle. I file di log sono contenuti nel directory \waffle\admin. Qui ci sono tre file. Questi sono:

    UUCICO contiene tutte le informazioni che costituiscono l'output di uucico in esecuzione. Le informazioni possono avere diversi livelli di dettaglio se uucico e' lanciato con un piu' alto valore (ad esempio da -x6 a -x9) per il parametro di debug. Nota che un alto livello di debug ha un impatto sulle prestazioni del uucico.

    NET fornisce informazioni sul volume delle transazioni per host e per connessione. Questo include il numero di caratteri inviati e ricevuti, il nome del nodo e la velocita' di trasmissione per ogni connessione. TRAFFIC fornisce un log dettagliato per Tipo di transazione ( Rmail, Rnews, etc. ).


  14. Waffle Scheduler

    Quando Waffle e' in esecuziuone in "host mode", si puo' chiedere che vengano eseguiti automaticamente, ed in tempi definiti, delle applicazioni. Queste applicazioni non comprendono solo i task di collegamento a calcolatori remoti, ma anche altri programmi (non del package Waffle) (i.e, backups, auto-reboot, etc.) Queste operazioni sono gestite da un CRON

    Per attivare il cron Waffle editare il file SHEDULE.EX localizzato in \waffle\system cambiare il nome in SCHEDULE. Seguono semplici esempi:

    #mm   hr  dy  mo  dywk    command
    
    #  Il seguente job e' in esecuzione ogni ora:
    
    01    *   *   *   *         call nygate
    
    #  Il seguenti programmi sono eseguiti tutti i giorni
    (alle ore 23:00 e 23:59)
    
    
    00   23   *   *   *         reboot
    
    59   23   *   *   *         call backup
    
    #  Il seguente job e' eseguito una volta al mese il 28 alle ore
       23:59):
    
    59   23   28   *   *        call backup
    

    Un # indica una linea di commento. I cinque parametri che precedono il comando indicano:

    mm = minuti (0 - 59)
    hr = ore (0 - 24)
    dy = giorno del mese (1 - 31)
    mo = mese (1 - 12)
    dywk = Giorno della settimana (0 - 6)
    

    Ai giorni della settimana (dywk) e' assegnato un numero. Domenica=0, Lunedi=1 etc.

    Quando viene lanciato un file Batch (.BAT) il file deve essere chiamato con un "call " affinche lavori corettamente. Un eseguibile (.COM, .EXE) non richiede il "call ".